Categorie
Ambiente e sostenibilità

Differenza fra Orto Naturale e Orto Biologico

Orto con pacciamatura per trattenere umidità e impedire crescita delle infestanti.

Perchè diciamo NO ai diserbanti e a tutti pesticidi in generale! Perchè l’orto naturale SI PUO’ FARE.

La differenza è sostanziale e chiara. Se i nostri orticelli, crescono sani solo in presenza di luce, acqua e suolo, possiamo definire le nostre orticole naturali. Il prodotto che può essere definito biologico riguarda costose certificazioni imposte dalla Legge sui prodotti che devono rispettare parametri sui processi e sui prodotti di sintesi chimica che possono essere ammessi nella produzione. Per Legge, non si può definire biologico un prodotto del proprio orto o altro che non sia soggetto a certificazione specifica. Solo una azienda che ha ottenuto la certificazione Biologica può definire il suo prodotto biologico.

Ci si riferisce al Regolamento (CE) N. 834/2007 che abroga il 2092/91 dal 1 gennaio 2009.

Il marchio Biologico viene concesso quando un prodotto alimentare è costituito da almeno il 95% di ingredienti biologici. Per quanto riguarda le orticole biologiche prodotte in serra, si preferisce la copertura in vetro o altri materiali tranne il PVC. Il riscaldamento è permesso in serra e in vivaio solo per brevi periodi necessari a garantire la sopravvivenza delle piantine. La rotazione delle colture deve includere un sovescio almeno ogni due anni. Le lavorazioni dei suoli sono determinanti sulle proprietà chimico-fisiche, sulla microbiologia e sulla ricchezza idrica e della sostanza organica.

Solo l’1,5% dei suoli è coltivato a biologico.

Si suppone che i prodotti certificati biologici siano trattati con meno chimica e che dovrebbero avere maggiori quantità di molecole nutraceutiche già studiate ampiamente nella prevenzione di numerose malattie. Per alcuni prodotti chimici autorizzati, se ne consiglia l’uso al bisogno e non come trattamento a calendario.

Nelle coltivazioni biologiche vi è spesso carenza di letame per fertilizzare il suolo in modo naturale. Per ripristinare il giusto grado di fertilità con questa materia prima, si apporta letame ogni 2 o 3 anni con concimazione organica alle colture che ne traggono vantaggio, come il peperone, e sfruttando l’effetto del residuo per le specie che non amano la concimazione diretta, come le cipolle.

Cipolle da orto naturale.

Fra le colture da sovescio con effetti positivi troviamo le graminacee, le leguminose e le brassicacee che limitano l’erosione dei suoli, ne migliorano le proprietà fisico-chimiche, limitano la crescita delle piante infestanti, possono aiutare nelle lotta contro parassiti e patogeni.

Contro le infestazioni da nematodi si consiglia di piantare Calendula officinalis perché le sue radici emettono dei composti utili contro la lotta. Contro le infestazioni da avicole si consiglia il sovescio (tecnica agricola che pianta colture per mantenere fertile il suolo) con Melilotus albus ricca di cumarina.

In agricoltura biologica si preferisce trapiantare le piantine alla semina praticata solo per alcune specie. Il vantaggio è nella gestione delle risorse idriche, nel contenimento dei parassiti, nello sfruttare la fertilità del suolo e di contrastare lo sviluppo di infestanti. La semina si usa per specie a rapido accrescimento, per specie che crescono nella terra come carote e rape e per chi non tollera la fase di trapianto.

Nel biologico si prediligono colture a bassa densità che permettono molti vantaggi come: controllo delle piante infestanti, minor attacco da patogeni, maggiore apporto di nutrienti dal suolo che genera piante vigorose e con maggior dimensione di frutti, anticipo della produzione e maturazione più omogenea.

Anche il biologico utilizza concimi che devono essere certificati biologici, ricchi di N (azoto), P (fosforo), o K (potassio). Per l’irrigazione, si cerca di mantenere l’umidità del terreno costante usando risorse idriche naturali. Si cerca di tenere pacciamato e se necessario, l’irrigazione avviene per periodi brevi e con poca quantità.    

Qui possiamo dedicarci al nostro orto naturale nel giardino o fazzoletto di terra. Dalle preziose lezioni di orticoltura alla messa in pratica. Leggi tutti gli altri articoli sull’orto naturale nella categoria Ambiente e Sostenibilità: L’orto naturale e sostenibileAssociazioni orto naturale e Protezione FitosanitariaElementi per progettare l’orto.

Clicca sulle stelline per valutare l’articolo. Se vuoi, scrivi un commento libero.

Ti è piaciuto il post?

Voto medio 0 / 5. 0

La tua opinione è importante!

Ci dispiace che il post non sia stato di tuoi interesse.

La tua opinione è importante! Dicci come possiamo migliorare.

Lascia un commento